Sunday, August 20, 2006



NON VA IN VACANZA

I volontari di Scientology di Como, Bergamo e Milano continuano da tutta l'estate con le attività di prevenzione tenendo controllate le zone a rischio-siringhe, una delle iniziative nell'abito della campagna DICO NO ALLA DROGA ispirata dalle scoperte dell'umanitario L. Ron Hubbard.

l volontari si danno anche parecchio da fare per fornire corretta informazione (disponibile, gratuitamente, richiedendola a diconoalladroga@gmail.com) per dare un esempio di ciò vogliamo trarre alcuni passi da uno degli opuscoli informativi che sono stati distribuiti dal titolo La Verità sullo Spinello:

"Riguardo alle molteplici diatribe su "droghe leggere e loro conseguenze verso droghe pesanti" è interessante sapere che il 93% degli eroinomani ha iniziato consumando le cosiddette droghe "leggere" (la conclusione cui è giunto uno studio condotto negli Stati Uniti). Questo dato statistico mostra che la marijuana apre la strada a cocaina, eroina, LSD, oppiacei, ecc.. "Fumare spinelli diventa noioso" ha dichiarato un ex tossicomane. "Dopo un po' non fa più un effetto sufficientemente potente". Così, una gran quantità di fumatori di spinelli inizia a bucarsi, alla ricerca di nuove sensazioni. Alcune autorità hanno stimato che il 2% dei fumatori di marijuana diventerà un consumatore di droghe pesanti. La stima del 2% è, probabilmente, molto bassa.
Secondo gli studi e le statistiche compilate da Claudel (Francia), e da Kaudel (USA) , il 26% dei fumatori di marijuana finirà a dipendere da oppiacei, LSD e altre droghe pesanti I sostenitori dell'hashish e della marijuana sbandierano il fatto che in certe civiltà tali droghe fossero consumate quotidianamente, senza causare alcun problema. Ovviamente, non sono consapevoli del fatto che, in Malesia, alcuni fumatori impazziscono. Hanno addirittura battezzato questa pazzia indotta dalla droga con il nome di "amok", che significa "demone assassino" nella lingua locale

Inoltre, queste persone sicuramente non conoscono l'origine della parola "assassino". Deriva dalla parola araba "hashischin", e significa "fumatore di hashish" (gli "hashischin" erano i membri di un crudele clan mussulmano. Questa droga "rubava la loro coscienza". I fumatori di hashish potrebbero dunque commettere crimini senza provare alcun rimorso).
Per quale motivo l'hashish e la marijuana sono dannosi al nostro benessere fisico e mentale? Perché conducono alla tossicodipendenza?
Le risposte possono essere trovate in manoscritti molto antichi. Questi testi ci insegnano che, in principio, i fumatori di marijuana erano consapevoli dei pericoli di questa droga. Questo è il motivo per cui inventarono pipe ad acqua (hookahs) per filtrare il veleno. Inoltre, non respiravano il fumo, si limitavano a tenerlo in bocca.
A quei tempi, la cocaina e altre droghe simili non esistevano. La situazione, ai nostri giorni, è profondamente diversa. L'eroina, la cocaina e l'LSD sono già disponibili come passo successivo.

Maggiori informazioni sulla nostra campagna di prevenzione
DICO NO ALLA DROGA: